22 Set

E’ Francesca Fiorito la vincitrice del Fantastico Festival 2020

Francesca Fiorito vince la sesta edizione del Fantastico Festival. Nella splendida cornice dell’Arena degli Artisti di Genova Pegli che quest’anno ha ospitato la manifestazione, dopo cinque edizioni al Teatro di Cicagna, la cantautrice genovese ha sbaragliato tutti con il suo “Nel vento”, brano intenso che ha vinto anche il Premio Miglior Inedito. Un Sandro Giacobbe in splendida forma ha mostrato la sua grande sensibilità evidenziando al pubblico la difficoltà a stabilire una vincitrice tra i diciotto concorrenti saliti sul palco. Francesca ha mostrato una profondità di pensiero e una grande vena artistica abbinata ad una freschezza tipica della sua età, appena 15 anni! La Fiorito subentra alla livornese Alessia Russo, prevista ospite del festival ma impossibilitata a presenziare per motivi di salute. La corona di regina, quindi, passa da un interprete ad una cantautrice, dimostrando che la Liguria è sempre una terra di grandi autori. Certo, parliamo di una quindicenne, ma, a detta dei giudici, le potenzialità ci sono. La speranza è quella che Francesca possa gestire ora la parte più difficile, quella della conferma di un talento. La giuria, presieduta da Sandro Giacobbe e  composta da Renato Tortarolo, Valeria Saturnino, Antonella Serà e Massimiliano Longo, ha decretato anche i vincitori dei premi Miglior Interprete e Premio della Critica. Il primo è andato ad una splendida Rachel Chelini con “Ill never love again” di Lady Gaga. La giovane fiorentina ha abbinato un naturale splendido timbro di voce ad una interpretazione magistrale, che ha convinto unanimemente i giudici. Il secondo è stato consegnato dal famoso critico musicale genovese a Irene Nizzi, con motivazioni importanti legate alle tante, troppe realtà violente nei rapporti con le donne e all’incapacità di accettare la libertà sia mentale che fisica delle stesse da parte di molti uomini. Irene Nizzi vince anche il Premio Pegli, istituito dal CIV e consegnato per mano di Raffaella Grasso che ne è presidente. Il premio della Giuria Popolare, ottenuto con il Televoto, azzeccatissima novità di quest’anno, è andato invece a Eleonora Viaggi che ha cantato Margherita, brano storico di Riccardo Cocciante.  Consegnato anche il Premio Vertigo One, scelto da Jacopo Saliani che, come consuetudine, ha condotto magistralmente una diretta streaming che ha visto oltre 60.000 spettatori connessi all’evento. A vincere la targa sono stati, anche quest’anno, due concorrenti ex aequo. Marco Conte e Savino “Sire” Riontino, rispettivamente di Varese e Torino. Il premio della casa di produzione The Library è andato invece a Aurora Calabrese che ha riarrangiato “La costruzione di un amore” bellissimo brano di Ivano Fossati. E’ bene sottolineare, comunque, che la qualità dei partecipanti ha creato non poche difficoltà ai giurati, certamente lasciando delusi, come logica in un festival, coloro che non hanno portato a casa un trofeo.

Ecco il riassunto dei premi:

 

PRIMO PREMIO ASSOULUTO

Francesca Fiorito

 

PREMIO MIGLIOR INTERPRETE

Rachel Chelini

 

PREMIO MIGLIOR INEDITO

Francesca Fiorito

 

PREMIO DELLA CRITICA

Irene Nizzi

 

PREMIO RADIO VERTIGO ONE

ex aequo Marco Conte e Savino Riontino “Sire”

 

PREMIO GIURI POPOLARE

Eleonora Viaggi

 

PREMIO THE LIBRARY

Aurora Calabrese

 

PREMIO PEGLI

Irene Nizzi 

Condividi ora: